Sicurezza

Prospettive e Strategie di Homeland Security

hshomelandsecurity1.jpgL'Homeland Security è una nuova terminologia che appare nel gergo letterario della Sicurezza U.S.A. a seguito dell'attacco terroristico alle torri gemelle di New York nel settembre 2001. Essa voleva esprimere lo sforzo attuato dal governo per far fronte, contrastare le nuove minacce rivolte alla sicurezza nazionale. Ma il termine, già dopo i primi studi e le primissime azzardate ricerche ha assunto una notevole quanto significativa e ampia proposta di prevenzione e difesa del territorio. Infatti nella consapevolezza che la globalizzazione, durante il suo sviluppo, ha imposto alle Nazioni le ricercate capacità di garantire alle persone, alle infrastrutture e al territorio modelli di sicurezza sempre più all'avanguardia e stategicamente applicabili sia in contesti di antiterrorismo che in termini propriamente di calamità naturali, incidenti, etc. L'Homeland Security, quindi, non prevede esclusivamente un adeguato sistema di prevenzione agli atti criminosi, ma essa deve avere capacità di strutturarsi attraverso politiche di prevenzione e coesione sociale strutturandosi altresì sull'impiego di moderni sistemi ICT (Information & Comunication Technology). A tal proposito fondamentale se non indispensabile corre in aiuto l'ingegneria ICT al fine di architettare e realizzare un sistema di HS che rappresenti la totalità preventiva e difensiva di un intera Nazione. A cominciare, dunque, dalle Regioni e proseguire poi verso le più alte Istituzioni occorre che oggi ci si faccia portatori di nuove, quanto importanti, metodologie e strategie di Sicurezza Globale. L'Italia, con le sue infrastrutture, le sue metropoli, i suoi porti commerciali, le sue opere d'arte, dovrebbe assimilare il concetto di HS attraverso un impegno a 360 gradi il quale vada a prevedere la co-partecipazione di più soggetti operanti, nell'insieme e nella cooperatività, per mezzo e attraverso di un Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, il quale indentifico nell'acronimo HDUAS (Homeland Defense Unified Actived Strategy)

 Prospettive e Strategie di Homeland Security attraverso la  Sicurezza Urbana, le Paure, i Rischi.

di Glicerio Taurisano

[co-autore de "I Sistemi di Homeland Security, scenari, tecnologie, applicazioni" - Edito da Cuzzolin Editore - Napoli a cura di G. Franceschetti e G. Manco - AA.VV.]

Quando ci si appresta ad argomentare di Sicurezza occorre, per ragioni etimologiche prima, ed epistemologiche poi, abbondare con una ricca e fruente premessa nel chiarificare cosa si intende per Sicurezza Urbana, Metropolitana, Nazionale, Personale e così via; richiederebbe, una tale prassi, non solo testi interi ma anche e soprattutto conflitti di natura sociale, politica, culturale e personale. Il concetto di sicurezza, proprio a fronte della mancanza di cultura nel progettare, professare ed applicare la stessa, ha fatto si che ogni individuo, ancor prima di identificare la "sicurezza" come un bene prioritario di una intera comunità o ancor più di una Nazione, ne individua un  "giusto" riconoscimento solo al proprio spazio vivibile, spesso privo di confini. In pratica, questo, genera presupposti contradditori sulla "percezione di sicurezza", alimentandone le paure, poiché ogni singolo individuo vede minacciare il proprio  "ambiente". Quindi, più esteso è lo spazio circostante all'individuo più forte aumenta l'insicurezza e la paura, di conseguenza ancor più cresce la domanda di sicurezza. Negli ultimi anni il livello e la percezione delle "paure" in Italia è cresciuto esponenzialmente, forse anche troppo rispetto ai dati della Criminalità o dei Rischi. Lo scenario delle minacce che si conformano nell'immaginario collettivo è dato soprattutto dalla quantità di notizie che i mass media raccolgono attraverso episodi criminogeni o catastrofici sia dall'interno che dal di fuori del nostro paese, i quali, trasferiti nelle menti del ricevente, quest'ultimo, non può che trarne delle negative conclusioni, in fatto di sentirsi sicuro. Ciò comporta, consequenzialmente, una minaccia ipotetica per ogni cittadino, il quale si vede "costretto" a non percepire la sicurezza per se, per i suoi beni, per il suo territorio. Tuttavia, a fronte della specificità nell'evidenziare, a volte, episodi e fatti delinquenziali vi è una nutrita realtà che quotidianamente si vive: lo status insicuro della vivibilità comunitaria, sociale. Essa è data dalla forte predominanza di atti criminogeni o di rischi che si susseguono l'un l'altro con notevole frequenza e spesso sfociano in episodi di forte impatto verso i cittadini, costringendo, questi, a non recepire e percepire uno "status di sicurezza" idoneo per la vivibilità sociale, se a ciò aggiungiamo lo sviluppo, la tecnologia, le immigrazioni, il terrorismo, la criminalità, il futuro etc, notiamo che fantasticamente nell'individuo accresce sensibilmente il timore, l'incertezza. L'uomo, quindi, ha riscoperto la "paura",la preoccupazione dell'attuale e del futuro, non abbiamo più capacità culturale di convivere con l'insicurezza: connettori principali per tale stato sono sicuramente le continue informazioni che riceviamo attraverso giornali e tv, sia in cronaca che in fiction, sia reale che ipotetica, e ciò nell'immaginario collettivo assume sembianze prepotente di pericolo immediato. La Criminalità, il Terrorismo, l'Insociale, l'Economia, le Urbanizzazioni, le Strade, il Lavoro, le Catastrofi, i Terremoti, insieme ad altre componenti rappresentano all'occhio del singolo un'unica risposta percettiva: l'Insicurezza. Un impatto che "purtroppo" non può essere sottovalutato dal gestore politico nazionale e/o territoriale, dalle forze dell'ordine o dalle comunità, poiché in uno spazio "urbano" più vive una stato di insicurezza più si alimenta la non vivibilità e ciò facilita le azioni criminogene e i fattori di rischio. Ma cosa è la Sicurezza? Cosa Essa rappresenta?.. una necessità per un popolo o un illusione per il singolo individuo? E' Essa repressione o prevenzione?  La Sicurezza è nella sua specificità di applicazione e fattibilità una "pluri-semantica" manifestazione di operatività al fine di creare "spazi" privi di pericoli o minacce eludendo la produttività di stati indesiderati, attraverso conoscenza, ricerca, studi, processi decisionali ed evoluzione sociale, per cui, essa presume scientificità e proprio grazie a tale concetto che la Sicurezza può rappresentare il fulcro principale per la vivibilità Nazionale, metropolitana o urbana. Tuttavia, occorre al più presto trovare una definitiva "configurazione" della sicurezza nella sua piena espressione di definizione; la sua chiara spiegazione comproverebbe, forse, la necessità di produrre più sicurezza oltre che addivenire verso un unico obiettivo, quello della prevenzione  dei rischi, dei pericoli, delle minacce.

 "Homeland Security" e "Sicurezza Urbana" - seppure vi è una sostanziale differenza di "architettura strutturale" tra di esse, oltre che una precisa indicazione tra cosa si intende per l'una e per l'altra, può tornare di forte utilizzo nonché di notevole aiuto costruire una Sicurezza Nazionale Globale (Global Homeland Security) se, a contribuire vengono utilizzati e richiamate le architetture delle strategie adottate per la Sicurezza Urbana, anche se strutturalmente diverse,  nonché diffondendone la cultura sia in ambienti privati che pubblici. Ovvero, non si può pretendere di indottrinare una Nazione sulla cultura di Sicurezza Nazionale se prima non si ha efficientemente costruito quei spazi di sicurezza di cui in premessa accennato per le comunità, eludendone paure e timori. Inoltre risulterebbe errato porre una Nazione in uno status di sicurezza globale (ad esempio includendo le strategie fin'ora adottate dalla NATO, dalla UE, occorrenti per una "Global Defense") attraverso, l'Homeland Security, appunto, concentrando la Sicurezza esclusivamente su Infrastrutture, Coste, Porti, Grandi Città, Confini, e cosi via, lasciando crepe di notevole interesse strutturali nelle micro aree urbane. Erigere alte mura attorno ad una grande città per difendersi da minacce esterne e lasciare che all'interno vi siano quartieri, rioni e strutture non controllati e/o posti in Sicurezza, non è per niente salutare ne alle micro aree ne tantomeno all'intera città: così è un po' per le Nazioni, risulta essere molto più vulnerabile un Paese che ha dedicato sforzi immani per proteggersi da tutte le minacce esterne ed avere poi dall'interno le "probabilità" che le "brecce" vengano aperte dal di dentro, lasciando così crepe utilizzabili da chi, proprio dall'esterno, ha intenzione di minare la Sicurezza di quel Paese.

fig.1.hs.gliceriotaurisano.2010.jpg

 In pratica non possiamo concentrare le attenzioni esclusivamente sulle grandi aree e lasciare che gli "ambienti" contenuti nella macro area vengono continuamente a contatto con l'insicurezza, le paure, e soprattutto con la vulnerabilità, laddove quest'ultima, se alimentata potrebbe causare disagi alle strutture di difesa nazionale. Per cui si ritiene importante, per "architettare" una Sicurezza Globale di un Paese, che le strategie, le metodologie, i mezzi, le tecnologie, e così via, vengano utilizzate ed implementate anche per la Sicurezza Urbana specialmente nelle Urbanizzazioni più ampie e in quelle che contengono strutture con elevata domanda di sicurezza. Ma andiamo per ordine e grado, dicevo in sintesi d'apertura che l'Homeland Security e Sicurezza Urbana possono l'una coadiuvare l'altra e mai contrastarne gli scopi, anche se tra la prima e la seconda ben nota e sostanziale è la differenza tecnica, strutturale, metodologica, ambientale, etc., tuttavia è il caso che iniziassimo dalla sicurezza urbana attraverso la prevenzione per giungere poi al corpo di questo compendio sulla sicurezza Nazionale e Urbana. La Sicurezza, è già di per se un concetto multidimensionale, può significare cose diverse per soggetti diversi in ambiti altrettanto diversi, per cui occorre porre chiarezza nella sua interpretazione e per il suo significato. Se guardiamo ad esempio alla Sicurezza Urbana (sia per le piccole realtà che per le grandi metropoli) ci accorgiamo da subito che essa presume una quantità enorme di fattibilità ed applicazioni, le quali (alcune) spaziano tra: Safety, Risk Management, Urbanizzazione, Controllo, Prevenzione, Protezione.

figura.2.hs.gliceriotaurisano.jpg

Fig.2 - Applicazioni della Sicurezza Urbana

Ancor oggi, nelle realtà territoriali comunali e spesso anche nelle grandi città, si commette l'errore di identificare la Securitas Publica come mezzo univoco di "contrasto alla criminalità". Fin quando vigerà questo tipo di concetto e di interpretazione, sulla sicurezza, sarà sempre più difficile applicarne, in modo sistematico, produttivo ed efficiente, la sua fattibilità. La Urban Security prevede nella sua totalità diversi elementi, attori e strutture, al fine che essi, canalizzati per mezzo di una profonda e continua "prevenzione" diffonda, non solo la cultura di sicurezza (quale elemento importante e carente nelle nostre realtà) ma anche la percezione di sicurezza. In effetti, la "prevenzione", rappresenta abbondantemente il termine per "valutare" la sicurezza e le politiche ad esse associate, ed è un termine (e, un elemento) non estraneo assolutamente ad altri concetti preventivi applicabili su un territorio e/o una comunità. Quindi, non solo prevenzione per atti criminali, ma anche per inciviltà, illeciti, infrastrutture, strade, scuole, pedoni, vita urbana quotidiana, insomma tutto ciò che si svolge per e attraverso un soggetto fisico, giuridico o materiale in una realtà territoriale.

Ma la prevenzione cos'è? Quando e come si applica? Ha un tempo o è illimitata? Dove può essere applicata?

In sicurezza, la Prevenzione, deve (dovrebbe) rappresentare solo ed esclusivamente il concetto di "impedire che il verificarsi di un evento indesiderato si manifesti, e non anche il "ridurre" poiché lo scopo della prevenzione è quello di eliminare totalmente la probabilità che un tale evento vada a manifestarsi. Un ottima ed efficiente prevenzione non ha ne tempo limitato ne un dove o un quando specifico per applicarla, essa deve rappresentare cultura per le Amministrazioni Centrali e Locali, per i Cittadini, per i Lavoratori, per le Scuole. Solo persuadendoci che più conosciamo sulla difesa e sulla prevenzione più possiamo porre il nostro vivere quotidiano in un status percettivo di sana e duratura sicurezza in senso globale. La sicurezza, in senso lato, non può avere un inizio ed una fine, essa è un ciclo, e come tale ne deve rispettare la circolarità nella sua attuazione strutturale, amministrativa, culturale, metodologica, preventiva, attraverso: l'Analisi, la Valutazione, la Pianificazione, le Misure, i Piani di Continuità, la Gestione, la Formazione, l'Attuazione, al fine di rispondere a  tutte quelle esigenze e domande di sicurezza che continuamente arrivano dal mondo Comunitario, Privato, Aziendale, Urbano o Nazionale, potremmo quindi rappresentare la "vita" della sicurezza come un Ciclo (poiché ha continuità) Simmetrico (perché conforme a se stesso), ed Estrinseco (poiché apre a nuove metodologie e domande esterne) 

 figura.3.hs.gliceriotaurisano.jpg

 Fig.3 - Circolarità della Sicurezza

Ci è noto che il contesto di Sicurezza è un sistema "aperto" allorché esso genera presupposti di domanda, di interpretazione, di utilizzo, attraverso tre elementi generanti l'esigenza di sicurezza: un Bene da proteggere, un Protettore che si adoperi per tali scopi e una Minaccia che mina il Bene; è senz'altro un contesto a lettura politico-gestionale,  poiché tale schema presume un'azione prodotta da una "decisione".

Quindi a seguito della "domanda" il "decisore" si attiva, attraverso le "politiche" per produrre una "decisione" o "un'azione" da intraprendere con scopi risolutivi.

Di contro, questo sistema utilizzabile nello studio e nella ricerca di nuove strategie per la Sicurezza Urbana, diviene molto più complesso per la Sicurezza di un intera Nazione, infatti, ad esso vanno eliminate alcune componenti, intensificate alcun'altre e aggiunte delle altre nuove e trasformabili a seconda del rischio e dell'attività scelta per proteggere questo rischio. La spiegazione dunque, della sicurezza, diviene sempre più complessa quanto più ci si proietta avanti nell'identificare i "punti" sui quali necessita una attività di protezione. Per essere più precisi, però, nella spiegazione della Sicurezza,  occorre che si chiarisca un concetto fondamentale, il quale susciterà obiezioni e critiche, ma ritengo, invero,  che    la sua funzionalità sia l'espressione più consona a supporto del "significato di sicurezza" e della sua "applicabilità" se si rispettano i ruoli di altre componenti fondamentali che concorrono alla sicurezza in senso lato, come la difesa, l'intelligence, la repressione, ed il ricercare nuove strategie e metodologie per le dette "scienze". Non possiamo produrre Sicurezza se non abbiamo capacità e mezzi di Difesa e viceversa, non possiamo praticare intelligence se non abbiamo la cultura di sicurezza e viceversa, non possiamo effettuare ricerca e trovare nuove strategie se la seconda e terza "componente" vengono a mancare: in pratica, volgendo lo sguardo su scala molto più ampia di una realtà urbana come una Nazione o un Continente,  la Sicurezza è il prodotto tra le attività di Difesa e di Intelligence, più un Paese è in grado di difendersi e praticare intelligence, più questi, è costruttore di sicurezza.

Non può vivere una "componente" senza l'altra, anche se ognuna si compensa a sua volta con l'attività dell'altra.

figura.4.hs.gliceriotaurisano2010.jpg

L'Homeland Security presume queste tre "scienze" detta - a cit. dell'autore - Homeland Defense Unified Actived Strategy (Strategia di attività unificata per la difesa della Patria - cfr. autore) In effetti trattasi di un'operatività svolta, per la Protezione del Paese, delle sue strutture, dei suoi abitanti, attraverso un unico canale strategico di gestione e realizzazione. Ne sono esempio gli Stati Uniti d'America che addirittura ha una Dipartimento di Homeland Security e che a sua volta, questi, contiene al suo interno agenzie  per la gestione e la realizzazione di progetti di ricerca, come ad esempio l' HSARPA- Homeland Security Advanced Research Projects Agency.         

Il termine Homeland Security  è molto noto negli Stati Uniti, in Italia abbiamo da sempre classificato questa attività come Sicurezza Nazionale (ma anche su questa terminologia, ancor'oggi, vi è carenza di cultura) tuttavia si sta affacciando negli studi delle strategie di difesa e sicurezza solo da poco tempo,  ridisegnandone, ne è vero, il pieno significato strutturale, la sicurezza della Patria. Essa presume un'attività intensa di ricerca e di studi, di mezzi e risorse, nonché di una linearità e cooperazione tra tutti gli ambienti Governativi al fine di proteggere il Territorio Nazionale da rischi interni o esterni alla Nazione, sia essi di carattere naturale, che strutturale o antropiche. Alla sicurezza di un territorio, inteso come Nazione, e per i rischi più comuni come le minacce esterne, di eventi naturali o pericoli alle persone, si è sempre pensato a carattere di studi e ricerche, già nel 1800 c'era chi pensava alla strutturazione della sicurezza come un'attività congiunta e di impegni da parte dei Governi, fu infatti il noto Generale Britannico, stratega militare, Arthur Wellesley a creare una delle prime fondazione di ricerca in tal senso, la: Royal United Services Institute for Defense and Security Studies; invero, c'era chi sosteneva che tale istituzione si avvalesse anche per scopi di spionaggio e controspionaggio, e forse, in parte è vero, considerato che lo scopo dell'Istituzione era appunto quello di "conoscere" per "attivarsi". Ma cosa si intende per Homeland Security, cos'è? - Ebbene spesso ascolto le interpretazioni più variegate e lontane, come: "è la difesa americana" o sbrigative e pressoché vicine " la protezione del territorio di una nazione"; è pur vero che noi siamo, ormai, abituati ad assimilare termini e concetti dagli USA e accademicamente così sbrigativi nel dar loro significati letterari di traduzione.

L'Homeland Security (e non è un concetto personale) è in primis prevenzione, capacità, formazione, per poi arricchirsi con l'Intelligence, la sicurezza, la difesa, la quale opera attraverso la responsabilità e le combinazioni di attività di vari Enti, Pubblici e Privati, discernendo che l'attività di Homeland Security per effetto di incarichi e poteri decisionali politico-amministrativo nonché  giuridico, il decisore, può incanalare sistemi strategici di risoluzione per la sicurezza globale del territorio, ponendo la stessa su una piattaforma idonea a svilupparne con continuità, metodi e strategie all'avanguardia per la difesa e protezione della Nazione. Quindi sulla falsa riga della metodologia adottata dagli Stati Uniti, anche l'Italia deve concentrarsi verso tali obiettivi, in parte si sta già facendo, vedesi ad esempio le grandi imprese tecnologiche italiane le quali sviluppano sempre più nuove "tecnologie" da adoperare per la difesa nazionale, oppure si guardi, con un certo ottimismo devo aggiungere, a tutti quei soggetti privati che si stanno adoperando nella ricerca strutturale di una "Homeland Security Italiana". E' pur vero che in Italia in ambito Militare, e più precisamente nel contesto del Centro Militare di Studi Strategici - Ce.Mi.S.S. - esiste un Osservatorio per la Sicurezza Nazionale - OSN, la cui prospettiva è quella di affrontare i temi della sicurezza a seconda della dimensione, pluralità e disciplina; nella mission dell'OSN spicca il senso di creare cultura di sicurezza insieme al mantenimento della stessa, ma occorre che l'OSN diventi Dipartimento vero proprio per la Sicurezza Nazionale e quindi per Homeland Security e Defence Italiana.

Ma quali devono essere gli Enti preposti alla costruzione dell'HS italiana? In Italia non abbiamo strutture governative o enti in quantità e specifici come gli USA, in dove, vediamo impegnati nella HS, oltre al Dipartimento stesso, strutture come: Civile Air Patrol; National Guard of the United States; Federal Emergency Management Agency; Transportation Security Administration; US Customs and Border Protection; United States Citizenship and Immigration Services; Secret Service; oltre a vari enti privati, in pratica la HS è davvero uno sforzo nazionale per la difesa della Patria. Nel nostro Paese sarebbe opportuno "sensibilizzare" per tale scopo Enti Militari, Civili, Governativi, e cosi via, per dar vita e luogo alla "piattaforma sicurezza" attraverso la seguente "elementare"struttura:

fig.5.hs.gliceriotaurisano.jpg

 

 Fig. 5 - Ipotesi di struttura dell'HSI - Homeland Security Italiana

                 

Lo scenario attuale che si prospetta nella nostra visuale presente e futura ci lascia immaginare che sempre più dobbiamo ricorrere a nuove metodologie, strategie e tecnologie per la Sicurezza Nazionale, poiché insieme al nostro tempo viaggiano all'unisono sviluppi tecnologici e infrastrutturali, immigrazione e criminalità, aree urbane e metropoli e con essi, crescenti  esigenze e domande di sicurezza e protezione. In tutta probabilità l'Italia non sente di un emergenza assidua come gli Stati Uniti nel predisporsi nello stato di sicurezza continuata ed avanzata, ma pur vero è che anche l'Italia è un Paese di grande sviluppo tecnologico, industriale e infrastrutturale; un Paese con rischi di eventi naturali o minacce provenienti dall'esterno (come l'immigrazione clandestina, il terrorismo, la criminalità ormai globalizzatosi). Anche l'Italia è un Paese di notevole crescita e di conseguenza un Paese che ha realizzato un modello di società ad alto contenuto qualitativo. Per cui soggetto ad ogni possibile minaccia o evento. Le nostre Infrastrutture portuali, aeroportuali, di trasporto, di telecomunicazioni, di risorse idriche, bancarie, governative, etc. richiedono sempre più, unitamente alle domande tradizionali antropiche di sicurezza, per effetto quasi "naturale" (a causa di crescita e sviluppo) una sempre più forte esigenza di protezione: effetti di minaccia e/o attacco terroristici, eventi naturali, guasti di natura tecnica e così via potrebbero causare seri ed ingenti danni a tutte le strutture poiché, tra di esse, sempre più interdipendenti.

Una seria ed importante strategia deve ricorrere a sostenere con forte utilizzo di tecnologie, risorse e mezzi questa attività di Security, a tal proposito ricorre anche l'ormai nota Direttiva UE, che con l' European Program on Critical Infrastructure Protection, alla fine del 2004, (dopo già alcuni progetti come: il DDSI -Dependability Development Support Initiative; l'European Working Group on Interdependencies and Vulnerabilities in Information Infrastructures; l' EWIS - European Warning and Information System Forum, progetti rivolti a potenziare l'interesse verso le infrastrutture critiche, condividere studi ed esperienze europee sui settori tecnologici e incrementare le capacità di combattere attacchi di natura informatica) diede inizio all'iniziativa del programma europeo per la protezione di Infrastrutture Critiche che seppur individuava come settori IC: l'Energia ed il Trasporto, valuta l'inserimento in tabella di altri settori come l'ITC, le Risorse Idriche, gli Alimenti, la Finanza, la Salute, le Industrie Nucleari e Chimiche e lo Spazio. Strutture che pare non inserite nella Direttiva, ma che si crede, insieme ad altre devono essere classificate come IC se anche l'Europa ha interessi, ma ancor più volontà di comprendere a 360 gradi il significato e l'importanza di Homeland Security e porre gli Stati in una condizione ottimale di governancePassi ancora molto lenti se guardiamo alle IC individuate dall' United States Department of Homeland Security e quelli dell' Unione Europea, motivo? pare ovvio individuarlo nella volontà politica di ogni Paese Europeo di conseguenza trasferito all'UE.

In riferimento alla nostra Nazione, relativamente alle Infrastrutture Critiche da individuare (così come dettato anche dalla Direttiva UE) occorre uno studio approfondito non solo sulla individuazione delle IC da proteggere contro eventi, rischi o atti dolosi, ma anche sulle operatività, attività da svolgere sia in prevenzione delle stesse che in controllo per altri canali trasportanti minacce criminogene o terroristiche. La struttura geo-fisica del nostro Paese, si distingue dalle altre Nazioni, dell'Unione Europea, per la presenza di oltre 7000 km di coste, rappresenta quindi una vera porta d'ingresso in Europa, sia dall'ovest che dall'est e dal sud, e ciò facilita l'immigrazione clandestina; un territorio avente numerosi vulcani ed essendo stretto tra la placca euroasiatica e quella africana e più soggetta a terremoti (l'Italia rappresenta in Europa il territorio più a rischio). Presenta almeno quattro metropoli (Milano, Torino, Roma, Napoli) anche se diverse città italiane ne stanno assumendo le caratteristiche, di importanza internazionale, di conseguenza soggette a più movimentazioni; detiene un forte numero di città che affacciano sul mare aventi porti di notevole importanza e strategica posizione; possiede uno straordinario patrimonio architettonico, monumentale, artistico e culturale, oltre ad importanti parchi, quindi meta di straordinario turismo. L'Italia non è assolutamente esente dal una Globale Protezione e/o Sicurezza infrastrutturale e sociale, anzi per la Nostra Nazione occorre rivedere tutta la struttura e gli apparati di sicurezza al fine di accrescerne il valore, i mezzi e le risorse. A ciò devono concorrere: la volontà politica; un sistema di sicurezza gestito attraverso un solo soggetto governativo (ad esempio un Dipartimento per la Sicurezza Nazionale - DSN); investimenti sia per la parte tecnico-operativa che per risorse e mezzi, sia per le analisi che per le ricerche; impiego di tecnologie all'avanguardia e centri di ricerca tecnologica ed informatica, di sistemi integrati, di software.

Il nostro è un Territorio di enorme interesse Industriale, Turistico, Artistico ed anche un territorio di grande interesse internazionale per le attività criminogene, terroristiche, etc. Non bisogna meravigliarsi se oggi si parla di Sicurezza in una veste "grafica e significativa" nuova, estesa, ampliata, da oggi e per il futuro la Sicurezza sarà intesa come totalità di difesa nazionale, sia essa proveniente dalle infrastrutture che dalle aree metropolitane, sia dalla prevenzione di eventi naturali che dalla sicurezza urbana. Dovremo, con l'aiuto, l'ausilio di Tecnologie, Progetti, Ricerche e Studi continui e progressivi avere una visione di Sicurezza carpendone dapprima il significato e poi l'importanza dell'Homeland Security & Protection. Una HS Italiana deve attivarsi attraverso canali di lettura multiforme, per mezzo di individuazione dei target da proteggere classificandone l'importanza, quindi esercitare su tale attività una pressione di analisi significativa. Deve operare attraverso l'interscambio di informazioni tra infrastrutture, centri ricerche e studi, ministeri, centri operativi, per mezzo di un network che monitorasse tutti gli ambienti posti a protezione contro eventi di catastrofe naturali e/o di minacce terroristiche o criminogene, un real time, un occhio elettronico gestito dall'uomo e dalle capacità dell'uomo.

Ma guardiamo nello specifico, attraverso una tabella comparativa ciò che è da proteggere su tre diversi ambienti, quali: il Territorio in senso globale, le Infrastrutture e le Aree Urbane, e quali risultati (rischi) si otterrebbero se ad essi non venisse applicata la protezione:

 

Ambiente

Specifico

Rischi sulla non controllabilità

Preposti alla Prevenzione

Mezzi Utilizzabili per la prevenzione e o la riduzione degli effetti

Territorio

Coste

Facilitazione ingresso immigrazione clandestina; Vulnerabilità minacce esterne;

Guardia Costiera;

Apparati Militari; Marina Militare e Civile

Navi,

Aerei,  Tecnologia,  Intelligence,

Risorse

Terremoti

Perdita di Vite Umane; Catastrofi Naturali; deformazione geo-fisica del territorio

Protezione Civile; Volontariato; Croce Rossa;

Ministero Interni

Leggi Regionali, Esercitazione e Formazione Civile, Tecnologia

Radon e altri Gas radioattivi - nocivi

Morti (si contano più di 3000 decessi in Italia) Tumori.

Inquinamento.

Protezione dell'Ambiente Regionali.

Protezione Civile.

Ministero dell'Ambiente

Ricerca;

Analisi;

Individuazione delle sacche nelle aeree a rischio;

Controllo

Infrastrutture

Porti

Traffico di merci illegali, Clandestini, Rischio sabotaggi, Area preferita da Trafficanti

Polizia Portuale, Guardia Costiera, Polizia di Prossimità, Uffici Governativi, Uffici Dogana

Controllo, Radar, Navi, Aerei, Sensori, ITC, Rilevatori

Monumenti

Incivilismo, atti delinquenziali,

Polizia Locale, Forze dell'Ordine

Sistemi di Video Sorveglianza

Istituzioni

Attacchi Informatici, terroristici, denigrazioni, spionaggio

Forze dell'Ordine, Uffici Governativi

Intelligence, Counter-Intelligence

Reti (informatiche e di telecomunicazione)

Guasti, Sabotaggio, Spionaggio, Incidenti, Eventi naturali,

Effetto domino sul non funzionamento di più infrastrutture, poiché interconnesse tra di loro

Governo, Politiche di sicurezza, Civili, Forze dell'Ordine, Uffici Governativi, Sicurezza Privata,

Intelligence,

Video Sorveglianza, Sistemi Elettronici,

Informatica,

Tecnologia

Trasporto, Produzione e Distribuzione

Rete Ferroviaria

Banche

Impianti Nucleari

Ospedali

Spazio, ricerche

Infrastruttura Elettrica

Risorse Idriche, Agricoltura

Aree Urbane

Urbanizzazione

Sicurezza e Criminalità

Vandalismo

Rischi legati alla viabilità, ai pedoni, alla comunità

Diffusione di atti criminogeni, droga, bullismo, vandalismo, Usura, Droga, Traffico

Deturpazione di monumenti e spazi pubblici

Polizia Locale, Stazione Arma Carabinieri, Commissariati di Polizia, Enti Comunali, Commissioni Sicurezza

Repressione,

Vigilanza,

Video Sorveglianza,

Pattugliamento,

Territorio, Infrastrutture e Aree Urbane, è su questo raggruppamento che devono essere "cercate" "analizzate" le priorità per una Sicurezza totale della Nazione. Racchiudere gli elementi di criticità, di vulnerabilità in un unico contenitore di studio definendone strategie e progetti per allontanare da esse la vulnerabilità, cosa che per effetto delle interconnessioni diviene praticità nelle eventualità di una minaccia. Deve muoversi il nostro Paese attraverso la sensibilizzazione degli operatori relativamente alla protezione delle infrastrutture e attraverso i preposti uffici istituzionali per la sicurezza sociale. Dedicare piani di emergenza sul profilo di simulazioni su eventuali attacchi alle infrastrutture critiche; deve altresì, in nostro Paese, favorire le applicazioni tecnologiche ma anche lo sviluppo delle risorse umane nel controllo di tali beni.

Si diceva, qualche riga prima, che la Sicurezza ha Circolarità (ved. Fig.3) in quel sistema simmetrico, ciclico ed estrinseco vi entrano a far parte componenti come appunto le infrastrutture (considerate ormai "attori principali" della Homeland Security) che comportano non solo un evolversi della "ciclicità" del sistema sicurezza ma anche, in maniera molto approfondita, una sorte di complessità, infatti se vogliamo comprendere la Homeland Security sotto il profilo del cos'è, ci accorgiamo che in essa entrano tutte quelle componenti finora citate le quali rappresentano i "target" da difendere: Le infrastrutture Critiche, ne è espressione la nota definizione riportata in USA Patriot ACT di qualche anno fa, dove con esse va ad indicare: "i sistemi e i beni, sia fisici che virtuali, così vitali alla nazione che un loro malfunzionamento o una loro distruzione produrrebbe un impatto debilitante sulla sicurezza dei cittadini, sulla sicurezza economica della nazione, sulla salute pubblica nazionale e su una qualsiasi combinazione delle precedenti" quindi notiamo che, ritornando alla HS, non possiamo del tutto scindere la sicurezza per i Cittadini, il Paese, le Aree Urbane con la sicurezza delle infrastrutture critiche, poiché tutto è interconnesso l'uno all'altro.

Necessitiamo di Homeland Security, di Sicurezza Nazionale  o semplicemente di Sicurezza, ognuno ne adotta la terminologia che vuole, ma in ogni caso è necessario che tutti si faccia la propria parte, tutti si contribuisca a formare capillarmente un sistema di difesa il quale fornisca alle nostre infrastrutture, alle nostre comunità, al nostro territorio a noi stessi, alla nostra Nazione, la giusta percezione di sicurezza. In questo nostro mondo di frenetica corsa verso chissà quali obiettivi, abbiamo prodotto una società che è ormai gestita da un solo pulsante, il quale da luce a tanti e vari ambienti in cui movimentano miliardi di persone attraverso altrettanto strutture e, se magari viene a mancare l'elettricità, anche per un solo momento, immaginiamo pure, quante volte inciamperemo l'uno contro l'altro.

Comments   

G.Taurisano
+1 #2 G.Taurisano 2010-09-09 08:41
Quoting bibi:
Grande! State pubblicando articoli interessantissimi. Ho una dom,anda da fare: il modello descritto ha reali prospettive di sviluppo e attuazione in Italia?

Ci stiamo provando...Saluti.
G.Taurisano
bibi
+1 #1 bibi 2010-09-08 19:12
Grande! State pubblicando articoli interessantissi mi. Ho una dom,anda da fare: il modello descritto ha reali prospettive di sviluppo e attuazione in Italia?