Intelligence

La guerra per il petrolio passando per la Cyber War

 
 
Si è discusso a lungo sulla possibilità di ipotetici attacchi informatici da parte dell’ Iran (Cyber Army) contro le infrastrutture degli Stati Uniti. Si è parlato molto anche della possibilità di un attacco israeliano contro l'Iran e tale eventualità , sembra allarmare tutta la comunità internazionale. Gli esperti di sicurezza hanno cercato a lungo i segni che lasciano presagire un imminente attacco tentando di capire come possa avvenire. Noi tutti conosciamo le potenzialità dei militari israeliani, una “macchina da guerra” che potrebbe destare preoccupazione e che è caratterizzata da una massiccia componente tecnologica.
 
Siamo vicini ad un attacco militare dell'Iran? Realtà o immaginazione?
 
Un rapporto dell’intelligence al Congresso US dichiara che l'Iran sta reclutando un esercito di hacker per un attacco informatico agli Stati Uniti contro infrastrutture critiche quali rete elettrica e impianti idrici. La crescente tensione tra l'Iran, gli Stati Uniti e Israele non promette nulla di buono, tuttavia queste relazioni che costantemente circolano su internet non aggiungono nulla di nuovo a uno scenario che è noto da tempo.
 
L'Iran ha capito quanto sia strategica una forte presenza nel cyber spazio, proprio in questo nuovo campo di battaglia ha individuato molte vulnerabilità dei suoi avversari che decidono di investire in guerra informatica. Il Washington Times ha riportato alcune questioni contenute nella relazione presentata alla Camera da due sottocommissioni sulla Sicurezza Nazionale. Gli esperti di sicurezza sono convinti che l'Iran stia organizzando un esercito cibernetico molto offensivo composto da diverse cellule di hacker pronte a muovere attacchi informatici contro i nemici. Il governo iraniano sta lavorando su diversi fronti: da un lato recluta hacker interni in nome di motivazioni religiose, d'altra parte, con l'acquisizione di conoscenze da parte di hacker mercenari provenienti da Est Europa e anche dall'Asia. Non sarà difficile per l'Iran preparare il suo arsenale cyber, e queste armi informatiche potrebbe colpire le vulnerabilità delle infrastrutture critiche occidentali. Oltre ai guerrieri cibernetici e mercenari, il regime iraniano ha anche il controllo del gruppo Hacker privato “Ashiyane Digital Security Team”, che ha coordinato numerosi cyber-attacchi dall'Iran. Le sue vittime illustri sono Mossad, il Ministro della Difesa Ehud Barak e diversi siti web in tutto il mondo arabo.
 
Dobbiamo anche considerare che gli interessi sul cyberspazio di Teheran sono stati guidati dalla necessità di proteggere le loro infrastrutture critiche dalle minacce informatiche sviluppate dai paesi ostili. Stuxnet è considerata una delle cyber-armi più aggressive e innovative che ha colpito l'Iran e il suo programma nucleare. Improvvisamente l'Iran si è scoperto vulnerabile a questo nuovo tipo di attacchi che hanno richiesto un impegno immediato nel cyberspazio e gli investimenti in tecnologie correlate. Si potrebbe ragionevolmente concludere che sia iniziata una campagna pericolosa alla ricerca del consenso per un attacco militare contro l'Iran. Su una cosa non ci può essere alcun dubbio: l'Iran è un paese pericoloso. Ha notevoli risorse finanziarie, i proventi dal mercato del petrolio, un leader che odia profondamente l'Occidente e le sue politiche. L'opzione militare è fortemente sostenuta negli Stati Uniti e dai vertici militari di Israele, concedere troppo tempo al governo di Teheran darebbe l'opportunità di aumentare la sua potenza d'attacco. Gli Stati Uniti sono consapevoli della minaccia imminente di possibili attacchi sul suolo americano, tuttavia, stanno perseguendo una politica più morbida, cercando il consenso internazionale che mira a colpire l'Iran economicamente e politicamente con sanzioni e avvertenze.
 
Chiaramente l'intenzione dell'amministrazione Obama è di prendere tempo, siamo vicini alle elezioni di novembre e un possibile attacco potrebbe certamente influenzare l'esito del voto. Molti sono convinti che il presidente Obama dovrebbe iniziare una guerra contro l'Iran per il solo scopo di vincere la rielezione a novembre, sconfiggere il vecchio nemico potrebbe essere un volano per una campagna mediatica con un esito incerto, con la possibilità di utilizzarla in caso di difficoltà. Funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare ulteriormente sulle capacità informatiche iraniane, anche se riconoscono la minaccia in termini generali. Tutti gli esperti concordano sul fatto che l'Iran ha aumentato notevolmente le sue capacità di guerra cibernetica, nonostante questa considerazione non vi è alcuna prova che l'Iran le userà contro gli Stati Uniti per attacchi a sorpresa. Un singolo attacco potrebbe determinare la risposta militare degli Stati Uniti e Israele che, nonostante la propaganda iraniana, è un evento temuto per il governo di Teheran. Ultimo aspetto e più importante da considerare sono le alleanze che l'Iran ha con la Russia e la Cina.
 
Questi paesi per diverse ragioni sono interessati che l'Iran mantenga la sua posizione strategica. Il petrolio ed il mercato di armi convenzionali sono solo due di queste motivazioni. La presenza dell'Iran è necessaria per evitare l'ulteriore infiltrazione di altri Paesi occidentali. Grazie a queste alleanze Iran gode di un sostegno politico e della tecnologia delle due grandi potenze mondiali, quindi, attualmente è piuttosto improbabile attacco militare contro l'Iran. La via della diplomazia, in questo momento, soddisfa tutti. Assisteremo ad attacchi continui e bilaterali tra Iran e paesi occidentali, in attesa di un imprevedibile mutare degli eventi.
 
Che cosa potrebbe spingere gli Stati Uniti o Israele ad una operazione militare?
 
La decisione di attaccare l'Iran è giustificata dalla necessità di arrestare il programma nucleare di Teheran, ma il direttore statunitense della National Intelligence, che coordina tutte le agenzie di sicurezza statunitensi, ammette l'Iran non hanno ancora costruito un arma nucleare, ma secondo diverse fonti di intelligence potrebbe farlo in meno di un paio di anni. Si consideri che, più o meno in 16 anni l'Iran, secondo relazioni AIEA (Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica ) ha condotto un importante programma nucleare con circa 8.000 centrifughe operative installate in due siti principali, e una riserva di circa cinque tonnellate di uranio arricchito. Un Iran nuclearizzato rappresenta una minaccia per l'esistenza di Israele, e una seria minaccia per tutti i paesi occidentali. Se gli Stati Uniti e Israele stanno rinviando una opzione militare convenzionale, ciò è avvenuto a seguito del diverso approccio nei confronti del cyberspazio, nuovo campo di battaglia. Dopo la pubblicazione delle notizie per quanto riguarda la genesi dei virus Stuxnet e Flame ogni attore del conflitto, ha aumentato lo sforzo di guerra digitale in particolare per la difesa informatica temendo un imminente attacco del nemico.
 
È chiaro che i governi, come Israele e Stati Uniti, ma anche i paesi europei, siano spaventati dalla capacità dell'Iran, così hanno anche iniziato massiccia operazione informatica contro l'Iran per valutare il sistema di difesa, ma anche con l'obiettivo di colpire un settore strategico del paese, come il settore del petrolio. Nell'ultima settimana sono stati portati a termine diversi assalti contro l’industria petrolifera, poco tempo fa è stato annunciato dalla compagnia petrolifera dell'Arabia Saudita, la “ Saudi Aramco” che i suoi sistemi e la sua rete interna sono state vittime di attacchi informatici.
 
La vera ragione che si cela dietro l'aggressione sembra esserci la controversia tra l'Iran e la “Saudi Aramco”, oltre che l’embargo petrolifero posto all'Iran dagli Stati Uniti e dell'Unione europea dal 1° luglio 2012. La risposta di Teheran all'embargo è la minaccia di chiudere lo Stretto di Hormuz e bloccare, quindi, il traffico mondiale delle petroliere; tuttavia sono in molti ad essere certi che l'Iran finanzi anche i cyber attacchi con il fine di distruggere aziende come “Saudi Aramco” che sta sostenendo le sanzioni contro il paese. Negli ultimi mesi molti paesi hanno approvato cyber sanzioni contro Teheran, come il divieto di vendita all’Iran di anti-virus per sistemi operativi. Ma la situazione più plausibile è che l'Iran e l'alleanza occidentale stiano lavorando su una nuova generazione di armi informatiche. Questo nuovo tipo di armi rappresenta un ottimo compromesso in termini di costi e di efficienza, ma ciò che è più interessante in questa fase è la possibilità di adottarle in operazioni segrete. Alti funzionari iraniani hanno accusato Stati Uniti, Israele e Regno Unito di pianificare un "massiccio attacco informatico" contro il loro governo.
 
La notizia è stata diffusa sulla tv di Stato iraniana, discutendo sul programma nucleare iraniano. Il ministro dell'Intelligence Heydar Moslehi ha dichiarato che l'attacco informatico contro gli impianti nucleari iraniani è stato progettato dopo il fallimento dei negoziati sul programma nucleare e gli incontri diplomatici che hanno avuto luogo a Mosca. Il funzionario ha dichiarato che l'attacco è stato pianificato dalla coalizione straniera con l’intento di minare il governo iraniano distruggendo le sue infrastrutture critiche. Non è chiaro chi siano la fonti di queste informazioni, ma il governo iraniano ha dichiarato che è pronto a combattere la Cyber minaccia.
 
In realtà l'orientamento occidentale è quello di combinare le sanzioni al governo di Teheran e cercare di ridurre la sua esportazione di petrolio e boicottaggio di banche e società iraniane. Questa potrebbe essere la guerra del petrolio, l'Iran è consapevole di questo e anche i suoi partner come la Cina. Le importazioni iraniane sono basate su accordi favorevoli che sarà difficile sostituire allo stesso prezzo e qualità. I nuovi contratti devono essere negoziati con i nuovi fornitori alternativi e questa è una grande incognita. Si consideri che l'Europa ha un importazione giornaliera 600.000 barili di petrolio dall'Iran. L'impatto di una possibile guerra peserebbe in modo significativo su tutta l'economia mondiale, già di per sé altamente instabile e precaria. In questo gioco molto delicato una regola fondamentale è assunta da attori come la Cina, che temendo un attacco israeliano, può tentare di influenzare la politica di Teheran.
 
La Cina è uno dei principale l'importatori di petrolio iraniano e un conflitto nella regione rischia di danneggiare gravemente la sua economia. Tuttavia è molto difficile prevedere che cosa farà la Cina: il presidente Hu Jintao, e Dai Bingguo Vice Ministro degli Affari Esteri, non devono essere convinti che Israele attaccherà, anzi, devono avere solo seri dubbi .
 
“ Nella dissuasione non ha importanza se, minacciando qualcuno, si minaccia anche la propria distruzione, purché si riesca a convincere l’avversario che la minaccia formulata è una cosa seria. ( Clausewitz – Della guerra )”
 
Riferimenti
 
Relazione di Ilan Berman Vice Presidente American Foreign Policy Council – Aprile 2012