Corsi/Eventi

Intelligence Analysis: metodologie e tecniche di analisi e previsione delle minacce

 
La Link Campus University, in collaborazione con il Centro Studi “Gino Germani”, promuove un corso di alta formazione su “Intelligence Analysis: metodologie e tecniche di analisi e previsione delle minacce“, con la partecipazione di autorevoli esperti del settore italiani e stranieri. 
Il corso si svolgerà presso la Link Campus University (Via Nomentana 335 – Roma) il 18, 19, 20 e 25 ottobre 2013.

L’analisi d’intelligence, una delle attività più affascinanti e meno note condotte dai servizi segreti dei vari Paesi, va acquisendo una crescente importanza per i processi decisionali degli Stati in materia di politica estera, militare, e della sicurezza. All’analista, infatti, spetta il compito fondamentale di consentire ai decisori di comprendere in maniera più chiara situazioni caratterizzate da elevata incertezza, turbolenza e complessità, prevedendone i possibili sviluppi. Il corso approfondirà i problemi e le metodologie dell’analisi d’intelligence strategica, tattica e operativa, con particolare riferimento al monitoraggio, la previsione e l’early warning di minacce alla sicurezza. Verranno discusse, in particolare, diverse tematiche di notevole rilievo per il mondo dell’intelligence:
 
A) Come si svolge l’attività analitica all’interno dei più avanzati servizi d’intelligencee organismi di sicurezza del mondo: le tecniche adoperate per selezionare, valutare l’attendibilità, organizzare e interpretare i dati raccolti tramite le varie metodologie di ricerca informativa (occulta e open source).
 
B) Come evolvono e cambiano gli approcci e le tecniche di analisi d’intelligence rispetto all’attuale quadro strategico internazionale, caratterizzato da minacce e rischi diffusi, ambigui e in continua evoluzione.
 
C) I più ricorrenti errori di percezione, valutazione e ragionamento commessi dagli analisti d’intelligence.
 
D) Le vulnerabilità e rigidità cognitive e psicologiche degli analisti che spesso determinano “fallimenti dell’intelligence” e “sorprese strategiche” (ossia la mancata previsione, da parte loro, di eventi o sviluppi critici o pericolosi per la sicurezza di un paese).
 
E) Le metodologie e tecniche innovative attualmente sperimentate dai servizi d’intelligence per potenziare il pensiero critico e creativo nelle attività di analisi, al fine di prevenire rischiosi errori di percezione da parte degli analisti e potenziali fallimenti dell’intelligence.
 
Nel corso verranno illustrate alcune metodologie alternative (tra cui le cosiddette “tecniche analitiche strutturate”), ideate per prevenire errori analitici e stimolare il pensiero critico e l’immaginazione dell’analista, tra cui le tecniche ACH (Analysis of Competing Hypotheses), Red Team Analysis, Devil’s Advocacy, analisi di scenario e social network analysis.
 
Il corso consentirà ai partecipanti di acquisire una visione panoramica dell’analisi d’intelligence e del supporto da essa fornito ai processi di decision-making in materia di sicurezza nazionale. Inoltre, esso fornirà ai corsisti diversi strumenti metodologici per sviluppare le proprie competenze pratiche di analisi d’intelligence e potenziare le proprie capacità di pensiero analitico. Il programma del corso prevede anche la discussione di casi-studio, esercitazioni, testimonianze di operatori dell’intelligence, e simulazioni (tra cui una simulazione di analisi operativa di un caso di minaccia di attentato terroristico CBRN a Roma, in un sito ad elevato impatto mediatico). 
 
 
 
Per informazioni e richieste di iscrizione: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.